Glossario

È la percentuale dell'utile totale ottenuto dalla compagnia assicuratrice, a seguito dell'investimento dei premi versati, riconosciuta all'assicurato.

È una forma di erogazione periodica della prestazione dovuta all'assicurato in base ai termini stabiliti dal contratto. Viene di norma concessa dall'assicuratore in alternativa alla liquidazione del capitale, maturato e rivalutato, in un'unica soluzione. Il periodo di erogazione può essere "vita natural durante" dell’assicurato, limitata ad un determinato periodo di tempo o reversibile a favore di un altro soggetto che subentra in caso di morte dell’assicurato.

È la forma di risoluzione anticipata del contratto di assicurazione rispetto alla naturale scadenza pattuita. L'assicuratore è tenuto ad erogare la prestazione assicurativa maturata fino a quel momento. Le clausole di riscatto variano a seconda del contratto stipulato.

Eventualità che un soggetto assicurato possa subire un danno. Il rischio può essere oggetto dell'assicurazione solo se esista l'incertezza che l'evento si verifichi o meno.

Accantonamento che l'assicuratore è tenuto ad effettuare per adempiere agli obblighi che lo stesso ha assunto per ogni contratto assicurativo stipulato. L'accantonamento deve essere sempre aggiornato ed è calcolato secondo criteri attuariali e demografici.